Components vs Items

In questo tutorial di base, vedremo la differenza tra le componenti e gli Items di MODO, cosa che disorienta spesso i neofiti del programma, introducendo le differenze basilari che li contraddistinguono.
MODO 901, come nelle precedenti versioni, ha un workflow nella modellazione 3D leggermente diverso da altri programmi del genere. La prima cosa che bisogna fare per capire la “filosofia” che sta dietro a MODO, è quella di distinguere le componenti dagli Items; una mesh 3D, per esempio, anche la più semplice ed elementare quale un cubo, è formata da 3 tipi di componenti: vertici, edges (spigoli) e poligoni.

Barra delle componenti e degli Items
Barra delle componenti e degli Items

Questi possono essere manipolati, editati e modificati nei più svariati modi per ottenere forme e mesh sempre più complesse, attraverso metodi di modellazione oramai consolidati.

Quello che contraddistingue MODO però, è il fatto di avere questi oggetti chiamati Items, che vanno intesi come dei containers, all’interno dei quali troviamo le varie geometrie (mesh 3D); potrebbero essere pensati come a dei layers, nel senso che spegnendoli nella Item List, nascondono a loro volta il loro contenuto.

Item list
Item list – Cliccando sull’icona dell’occhio (prima colonna a sinistra) si possono spegnere/accendere i vari Items

Gli Items possono anch’essi essere modificati ed editati, ma cosa più importante, sono l’unità minima in MODO per l’animazione, ossia non possiamo animare con i keyframes (frames chiave in un’animazione 3D) direttamente i vertici, gli edges e i poligoni, ma possiamo assegnarli solo agli Items.
Ce ne sono di diversi tipi (vedi immagine sopra), tra cui la Mesh, la Camera (la cinepresa attraverso la quale renderizziamo qualsiasi scena all’interno della finestra 3D), le Backdrops, le Render Boolean, le Lights, ecc…; sono davvero tante, ma alcune le useremo molto più delle altre.
Quindi anche gli oggetti più comuni come le cineprese (Camera) e le luci costituiscono un Item a sé stante, potendo essere animate in vari modi (lo vedremo in tutorial più avanti).
Abbiamo visto nel precedente tutorial come aggiungere una primitiva ad un Item esistente (di default MODO ce ne assegna solo uno di nome “Mesh”) o in uno nuovo; ovviamente le operazioni che possiamo effettuare sulla Item List sono varie e ci permetterano di creare scene complesse ed estese.
Nell’immagine sottostante, è evidenziata una sfera appartenente all’Item selezionato in modalità che possiamo chiamare “shaded”; mentre il cilindro e il cubo appaiono in modalità wireframe, perchè appartenenti a Items diversi (di default MODO rappresenta le Meshes inattive, ovvero non selezionate, appunto con questa modalità, chiamata in gergo a fil di ferro).

La sfera, il cilindro e il cubo appartengono a Items diversi
La sfera, il cilindro e il cubo appartengono a Items diversi

Quando per esempio trasliamo (move tool) le componenti, ad esempio i vertici, questi rimangono sempre all’interno del proprio Item, muovendosi nello spazio 3D; quando invece applichiamo il move tool (tasto W) in modalità Item, muoviamo insieme ad esso anche il suo center, ossia il punto in cui vengono applicate le trasformazioni dell’Item stesso.

Nel prossimo tutorial vedremo come navigare all’interno della viewport 3D!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...